informazione pubblicitaria

CONDIVIDI

Rifiuti, Unione Popolare contro l’Egaf. Sfida a Rocca: “Blocca il poltronificio o fa accomodare anche i suoi?”

Cesidio Vano
Sfida al governatore di centrodestra del Lazio, Francesco Rocca, per bloccare scandalo e sperperi
Marzo 30, 2023
Il neo presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca

Unione popolare di Frosinone prende posizione contro l’Egato dei rifiuti (Egaf), attaccando Partito democratico e Movimento 5 Stelle, e sfida il governatore di centrodestra del Lazio, Francesco Rocca, a bloccare il “poltronificio” voluto proprio dai 5 Stelle, firmatari della proposta di legge, e dal Pd, che ha riscritto le norme in giunta e poi con diversi emendamenti.

In una nota, il movimento ciociaro che fa riferimento a Luigi de Magistris, definisce il nuovo ente, nato lo scorso dicembre e destinato a gestire il ciclo dei rifiuti in provincia di Frosinone, come “un inutile carrozzone figlio dell’ennesimo teatrino elettorale (riuscito solo a Frosinone) a vantaggio dei delfini dei soliti potentati di turno”.

Solo nuovi costi per le famiglie ciociare

Da Up ricordano come le famiglie Ciociare siano già state tartassate dall’aumento del 17% della tariffa di conferimento presso il TMB di Colfelice (aumento, tra l’altro, retroattivo a partire dal 1 gennaio 2020), che andrà a pesare sulle prossime tariffe TARI e aggiungono: “ora, a completare l’opera a danno dei cittadini si aggiunge anche l’ultimo carrozzone creato da Zingaretti e soci in provincia di Frosinone, con la complicità dell’ignavia e acquiescenza della maggioranza dei Sindaci nostrani che lo hanno avallato, ovvero l’EGAF (alias EGATO Frosinone), l’ente preposto alla gestione della raccolta dei rifiuti e degli effetti dei cambiamenti climatici a tutela di ambiente e clima”.

Up: ‘Uno sperpero da 1,2 milioni che uscirà dalle tasche dei cittadini’

Nel mirino di Unione popolare, la richiesta dell’Egato a tutti i 91 comuni della provincia di versare la propria quota di rappresentanza nell’ente (1,2 milioni di euro in tutto) che saranno poi caricati sulla Tari 2023.

“Soldi che, inevitabilmente – evidenziano da Unione popolare -, andranno a pesare sulle già disastrate tasche dei cittadini, ad esclusivo beneficio dell’Ente, immaginiamo per gli stipendi del presidente Buschini e dell’intero suo staff. E non sono somme versate una tantum poiché, ed è facile previsione, quella somma è destinata ad aumentare negli anni a causa dei costi necessari a sostenere tutto il sistema legato all’Egato e alle attività che dovrebbe promuovere. Date le premesse le nostre preoccupazioni ci sono tutte”.

Dito puntato contro Pd e M5S, poi la sfida a Rocca

La critica a Pd e M5S è fortissima: “Per non smentirsi Pd e M5S hanno varato, quando erano maggioranza nel Lazio, una legge regionale che continua l’occupazione dei posti di potere in provincia di Frosinone, con buona pace della Schlein e del suo nuovo corso… altro che cambiamento!!!”. Per il popolo di de Magistris questa è stata anche una mossa che ha fatto vincere la destra: “Ora la destra, giustamente, gongola. Può continuare ad attribuire ogni responsabilità dei prossimi aumenti tariffari al Pd e al M5S.

E noi proprio alla destra e al suo Presidente Rocca, che ora governa la regione con maggioranza bulgara, chiediamo di sapere quale soluzione o strategia risolutiva intende adottare rispetto agli Egato. Cosa intende fare la nuova amministrazione regionale a guida Fdi?! Avrà la volontà politica di cancellare la rotta indicata dalla Giunta Zingaretti ovvero della costituzione di enti mangia soldi come ampiamente già dimostrato dall’unico Egato-Rifiuti “costituito” quello di Frosinone, ed attrezzarsi per ridare piena dignità agli enti locali in tema di raccolta dei rifiuti? Oppure dopo la solita ed inutile e non risolutiva propaganda, si lancerà nel solco tracciato da quelli di prima, per concordare e occupare anche per la propria maggioranza poltrone e potere?”.

Giugno 14, 2024

Stop del centrodestra in commissione Sanità allo Schema di deliberazione n. 51 del 30 maggio 2024, concernente la Definizione del

Giugno 13, 2024

In merito alle allarmistiche voci diffuse attraverso comunicati e articoli apparsi su testate on-line, stante le quali il reparto di

Giugno 12, 2024

Rimpasto di giunta alla Regione Lazio e verifica politico-programmatica al Comune di Frosinone. Sembra essere proprio questa la strategia di

Giugno 11, 2024

Alla conferenza stampa di Maurizio Stirpe nella club-house del golf di Fiuggi tutti si aspettavano un po’ di luce sull’operazione

Giugno 11, 2024

A conferma di come i flussi elettorali siano in rapida evoluzione da diversi anni a questa parte, le europee consegnano

ULTIMI ARTICOLI