informazione pubblicitaria

CONDIVIDI

Gualtieri presenta il “piano 5G”: entro il Giubileo connessi in metro A

Marco Battistini
Roma accelera sul 5G e si dota di una rete più capillare e più sicura di wifi e di internet
Marzo 17, 2023
Un suggestivo scorcio panoramico di Roma

Roma accelera sul 5G e si dota di una rete più capillare e più sicura di wifi e di internet che consentirà ai romani e ai turisti, entro dicembre del 2026, di telefonare e navigare anche nelle gallerie e nelle stazioni delle metropolitane, oltre che in 100 piazze della Capitale. Lo ha annunciato il sindaco di Roma Roberto Gualtieri che ha presentato, insieme al direttore generale del Comune di Roma Paolo Aielli le due memorie di Giunta che, grazie a un partenariato pubblico-privato con la Bai Communications, provano a superare la fragilità digitale della Capitale.

“L’investimento su sistemi di small cells è di 97,7 milioni complessivi – ha spiegato Gualtieri -, 20 milioni di Roma Capitale all’interno del Piano Giubileo definito dal secondo DPCM di prossima approvazione, con una concessione di 25 anni a fronte di un investimento privati di Bai”. Le tempistiche prevedono la chiusura della gara, per la costruzione del gruppo d’impresa, a ottobre 2023, la progettazione entro dicembre 2024 come la posa della fibra, limite entro il quale verrà connessa la linea delle Metro A, in tempo per l’inizio del Giubileo

AMPLIAMENTO RETE WIFI

Entro giugno 2025 si prevede la disponibilità del wifi in 100 piazze. Entro dicembre 2025 sarà completata la connettività nella linea B della metro e verranno collegate le small cell nelle altre piazze, mentre entro giugno 2026, se tutto andrà come previsto, ci sarà la connessione della linea C e delle altre strade e installazioni previste.

“Siamo molto soddisfatti di questo progetto appena approvato dalla Giunta di Roma capitale – ha spiegato il sindaco Gualtieri – che consideriamo tra i più importanti e ambiziosi della consiliatura, perché consente la creazione di una rete tecnologica di ultima generazione che permette di abilitare i servizi del territorio più avanzati di oggi e del futuro. Dopo l’espletazione della gara Roma si doterà di una rete capillare 5G e Wi-Fi, con un potenziale di 6mila punti di propagazione, che consentirà a tutti di accedere a una rete sempre disponibile e veloce e di avere sui propri dispositivi un wifi pubblico gratuito e seamless”.

La rete radiomobile, ha sottolineato Gualtieri, “è ad alta capacità, alta disponibilità e bassa latenza, con un minore inquinamento elettromagnetico della vecchia rete 4g. Avrà un minore impatto urbano perché le celle saranno collegate all’interno di pali e insegne, senza bisogno di grandi stazioni collegate su torri e sui tetti, ma una con una velocità in 5G fino a 100 volte superiore all’attuale. Si potranno collegare fino a un milione di apparecchi per km quadrato, 100 volte di più rispetto al 4G”. Con la nuova rete il Campidoglio punta anche a accelerare anche sulla sicurezza, “con la messa in circuito delle telecamere esistenti, come dei semafori intelligenti, dei sensori ambientali e di maggiori servizi digitali per romani e turisti a prova di cyber security”, ha concluso Gualtieri

Aprile 24, 2024

Il diserbo stradale torna un’attività affidata ad Ama. Lo ha stabilito una delibera approvata dall’Assemblea Capitolina. La delibera prevede che

Aprile 23, 2024

Due anni di lavori, ma senza chiudere, per un investimento di 8 milioni, di cui 1 milione dal Pnrr, per

Aprile 22, 2024

Cambio nel gruppo della Lega al consiglio comunale di Roma. Il consigliere Davide Bordoni ha rassegnato le dimissioni. Al suo

Aprile 19, 2024

La Giunta capitolina ha approvato le delibere relative al Piano Economico-Finanziario di Ama 2024-25 e alla determinazione della Tari per

Aprile 18, 2024

Dal Pd capitolino arriva un altolà alla Regione Lazio: “Bisogna evitare l’aumento del Bit per i romani. La previsione di