informazione pubblicitaria

CONDIVIDI

Fase espropri conclusa, la ‘Bretella’ Cisterna-Valmontone sarà pronta entro il 2028. La promessa del governatore spazza via lo scetticismo sulle grandi opere

Marco Battistini
Febbraio 23, 2024

“Abbiamo concluso la fase degli espropri. Entro il 2028 la Cisterna-Valmontone sarà pronta” ha detto il presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca. Così, dopo anni di proclami, rinvii, progetti rivisti e mai andati in porto sembrerebbe procedere, il condizionale è d’obbligo, l’iter per la realizzazione dell’infrastruttura.

Il governatore del Lazio ha parlato nei giorni scorsi dell’infrastruttura nel corso del Roma REgeneration Forum, organizzato all’auditorium della Tecnica di Confindustria, dando il 2028 come termine per la realizzazione dell’opera tanto discussa insieme all’autostrada Roma-Latina di cui si parla da decenni ormai e che ancora non mette d’accordo tutti.

SISTEMA INFRASTRUTTURALE
L’inizio dei lavori è previsto per il mese di settembre 2024 per una durata di 30 mesi. Il costo dell’investimento è di circa 14 milioni di euro finanziati con il Fondo Sviluppo e Coesione. Tempi diversi e più lunghi, invece, per la Roma-Latina, il cui bando di gara è previsto per il prossimo mese di novembre con conclusione entro la primavera 2024. Per l’avvio del cantiere si dovrà attendere, probabilmente, la fine del 2025. Per le opere complementari sono stati stanziati circa 156 milioni di euro, riguardanti l’adeguamento della viabilità in via Apriliana, via Foce Verde, tangenziale di Latina, SR Arina (Lariano) e tangenziale di Labico.Si tratta di un primo significativo passaggio nella direzione del miglioramento delle infrastrutture locali. 
Proprio quello degli espropri è infatti un passaggio fondamentale per l’opera viaria che, una volta terminata, consentirebbe un collegamento rapido tra la strada statale 148 e tutto il territorio industriale dell’agro pontino con la A1 e il cui progetto, nella sua ultima versione, ha avuto delle importanti revisioni passando da autostrada a pedaggio di tipo A, a strada extraurbana principale gratuita e quindi di tipo B. Il primo lotto, dell’estensione di 10,352 chilometri e che gode già della copertura finanziaria, collegherà la statale 148 Pontina, in località Campoverde, alla statale 7 Appia in località Le Castella. 

Un programma che dovrà portare anche alla realizzazione della Pedemontana di Formia, al completamento della Monti Lepini Latina-Frosinone e all’ampliamento del progetto della Roma-Latina fino a Fondi, giungendo ad una connessione capillare dell’intero territorio provinciale con la Capitale e l’alto Lazio. 

AUTOSTRADA A RILENTO

Andatura più lenta per l’altra grande opera infrastrutturale: l’autostrada Roma-Latina. L’ingegner Antonio Mallamo, commissario della Roma-Latina, ha avuto l’incarico sia dal presidente Rocca che dal ministro Salvini di elaborare il nuovo progetto autostradale, anche un eventuale prolungamento fino a Fondi. La Roma-Latina sarà un’autostrada green, senza stazioni di pedaggio, ma con un sistema di rilevazione elettronica del passaggio (le barriere free flow) e, soprattutto, sarà gratuita per i residenti del Lazio. 

Aprile 24, 2024

Procaccini e De Meo in campo con grandi possibilità di essere rieletti. Adinolfi ha annunciato l’uscita di scena ed al suo

Aprile 23, 2024

Anche a Latina Forza Italia si schiera con Tajani. La candidatura alle Europee del leader nazionale verrà sostenuta apertamente e

Aprile 22, 2024

Pur scendendo nei sondaggi e nel peso politico elettorale anche locale, la Lega nel Lazio ed in particolare in provincia

Aprile 19, 2024

Il ministro Tajani, insieme al senatore locale di Forza Italia Claudio Fazzone, darà il via alla corsa dell’ex sindaco e

Aprile 18, 2024

Un’Europa guidata dal centrodestra è l’obiettivo posto da FdI in vista delle elezioni dell’8 e 9 giugno. Su questo traguardo