informazione pubblicitaria

CONDIVIDI

Crisi industriali, il ruolo del duo Angelilli-Tiero. Riflettori accesi sul basso Lazio. Rilancio sulla Zls

Cristiano Sacerdoti
Febbraio 26, 2024

È decisamente lunga la lista delle crisi industriali nel Lazio, dopo due anni di pandemia, due guerre alle porte d’Europa, un’inflazione che solo adesso si sta sopendo, peraltro a caro prezzo vista la morsa dei tassi. La verità è che le imprese nel Lazio soffrono e con esse intere famiglie non dormono la notte.

IL REPORT
Un esempio? Anche se i dati del primo semestre del 2023 parlano di un’occupazione in crescita nel Lazio, +2,5%, il report della Uil e dell’Eures dice molto altro. E cioè che il segno più si deve a contratti sempre più precari e a breve termine, inferiori a un mese o anche di un solo giorno. Il mercato del lavoro in regione continua a faticare e prova ne sono i diversi tavoli di crisi aperti o chiusi con buona pace dei posti di lavoro. Con le grandi fabbriche che chiudono, mandando per la strada decine di lavoratori, anche l’artigianato, che spesso compra dall’industria la materia prima, ne risente. Non può essere certo un caso se nel solo 2023, dati di Confartigianato, sono sparite 670 imprese artigiane in un anno. Una tendenza continua, che va avanti da anni, e che ha portato l’Albo delle imprese artigiane della regione a scendere dalle oltre centomila iscrizioni del 2012 (101.300) alle circa 90 mila attuali, con una perdita, dunque, di più di diecimila unità.
IL RUOLO DELLA REGIONE
Prova ne sono le vicende che riguardano due aziende romane di servizi informatici, la Essematica e la Softlab. La prima ha licenziato già 30 dipendenti. La seconda ne ha 700 in cassa integrazione, senza stipendio da 4 mesi. Poi c’è il caso della Fiorucci: 220 tute bianche a rischio taglio, il 50% dell’organico. Alla crisi non sfugge neppure la provincia di Rieti. Il pastificio Antica pasta ha tagliato 60 dipendenti. Ancora, Stellantis. L’ex Fiat non ha convinto molto i lavoratori dello stabilimento di Piedimonte, dove il 14 marzo si recherà una delegazione della Regione Lazio. L’incontro era stato annunciato in commissione per lo Sviluppo Economico e le Attività Produttive lo scorso 16 gennaio, facendo seguito agli obiettivi della mozione presentata dall’opposizione e approvata all’unanimità dal Consiglio del Lazio lo scorso dicembre. La vicepresidente della Regione Lazio e assessore allo Sviluppo Economico, Roberta Angelilli, e il presidente della commissione del Consiglio regionale Enrico Tiero, avevano chiesto un incontro presso lo stabilimento di Stellantis di Piedimonte San Germano contestualmente alla possibilità di visitare la fabbrica.

UN TAVOLO PER LATINA 

Iniziative simili sono in programma anche nell’area di Latina. Una riunione per il tavolo tecnico di lavoro relativo alla provincia pontina verrà convocata nei prossimi giorni. Tra le proposte, la creazione di aree cuscinetto per le realtà confinanti con l’area della Zes unica. Il Basso Lazio non è soltanto un territorio fuori dai benefici della ZES, ma è confinante con aree che ne andranno a beneficiare. L’esempio della Cassa del Mezzogiorno, evidenzia questa peculiarità territoriale e che in passato ha permesso alle province di Latina e Frosinone di godere delle agevolazioni previste per altre Regioni o territori. Solo con la creazione di aree cuscinetto sul modello della vecchia Cassa del Mezzogiorno si potrebbe impedire la chiusura di attività e/o la delocalizzazione di molte aziende. Contemporaneamente e non alternativamente, bisogna lavorare per far partire anche le zone logistiche speciali. La ZLS può rappresentare l’occasione per rilanciare l’economia di territori della nostra regione nei quali si assiste ad una estensione della desertificazione industriale, a una crescita della disoccupazione e all’assenza di investimenti.

Aprile 24, 2024

Procaccini e De Meo in campo con grandi possibilità di essere rieletti. Adinolfi ha annunciato l’uscita di scena ed al suo

Aprile 23, 2024

Anche a Latina Forza Italia si schiera con Tajani. La candidatura alle Europee del leader nazionale verrà sostenuta apertamente e

Aprile 22, 2024

Pur scendendo nei sondaggi e nel peso politico elettorale anche locale, la Lega nel Lazio ed in particolare in provincia

Aprile 19, 2024

Il ministro Tajani, insieme al senatore locale di Forza Italia Claudio Fazzone, darà il via alla corsa dell’ex sindaco e

Aprile 18, 2024

Un’Europa guidata dal centrodestra è l’obiettivo posto da FdI in vista delle elezioni dell’8 e 9 giugno. Su questo traguardo