Il caso

Riqualificazione piloni e Largo Turriziani, residenti esasperati: “Lavori ok ma ancora troppi disagi”

Due opere per rilanciare il centro storico della città che costeranno due milioni di euro

Piloni City. Tutto pronto per avviare la riqualificazione dei piloni e di Largo Turriziani. Due opere per rilanciare il centro storico di Frosinone che costeranno due milioni di euro. Denaro che verrà finanziato totalmente dai fondi ministeriali. Il progetto rappresenta l’ultimo elemento per fare ripartire il centro storico. Prima l’acquisto del teatro Nestor, poi la realizzazione della nuova sede dell’Accademia di Belle Arti, la ricostruzione del teatro Vittoria e l’apertura della nuova sede comunale a Palazzo Munari.

Residenti esasperati

Nonostante i progetti in cantiere dell’Amministrazione Ottaviani, i residenti nella parte alta della città non sono per niente entusiasti. Anzi. Non ne possono più delle continue isole pedonali. Non solo invernali, ma soprattutto nei periodi estivi. Ai fedeli dei centro storico non va giù neppure la storia delle strisce blu. Costretti a pagare le soste, nonostante la residenza, oppure collezionare multe. A preoccuparli non poco è proprio il progetto della riqualificazione dei piloni. Il tratto di via De Gasperi, come da progetto, eliminerà una parte di parcheggi, creando ancora più difficoltà ai residenti. Sì, ci sarà il Multipiano a disposizione, ma come verrà gestito? Si è già pensato ad un abbonamento per i residenti? Oppure il costo della sosta rimarrà per tutti, come adesso, ad ore?

“L’Amministrazione ci ha reso la vita impossibile”

“Questa Amministrazione ci ha reso la vita impossibile. Nei fine settimana estivi siamo tutti sequestrati in casa. In inverno idem. Condizionati nelle nostre uscite in base all’isola pedonale. Per non parlare poi dei parcheggi a pagamento. L’Amministrazione Ottaviani – commenta un residente che vuole mantenere l’anonimato, ndr – si rende conto che quando la sera torniamo dal lavoro non sappiamo dove lasciare le auto? Il sindaco e l’assessore si rendono conto che non possiamo pagare la sosta sulle strisce blu, tutti i giorni? Capiscono che quasi tutti noi residenti collezioniamo multe? Niente. Per loro è tutto normale.

Solo il nostro Comune non prevede l’abbonamento parcheggio per i residenti. Come pensano di riqualificare il centro storico? Qui abbiamo tantissimi disagi. Non è che riqualificando piloni e Largo Turriziani, i cittadini vengano invogliati a frequentare la parte alta della città o, ancora peggio, trasferirsi a vivere al centro storico. Se gli Amministratori pensano questo – conclude – è una follia. Per rilanciare il centro storico c’è bisogno di servizi veri, di comodità, di sicurezza, di pulizia. L’esatto opposto di quello che abbiamo oggi”.

Mancanza concertazione con commercianti e residenti

Del resto per rendere più vivibile il centro storico è necessario comunque avviare i lavori di riqualificazione senza i quali la città rimarrebbe ferma. Quello che forse è mancato in questi anni è stata la concertazione con commercianti e residenti. Un accordo, dunque, finalizzato a trovare agevolazioni che avrebbero potuto mitigare disagi per la cittadinanza, rendendo appetibili eventuali investimenti.

Condividi l’articolo su: