Politica

Provinciali, Mastrangeli: “Accetto di concorrere per la presidenza”

L'elezione del presidente della Provincia è in programma per il 18 dicembre e alle urne andranno soltanto gli amministratori comunali, sindaci e consiglieri.

Il sindaco di Frosinone Riccardo Mastrangeli

Riccardo Mastrangeli ha accettato ufficialmente la candidatura alle prossime elezioni provinciali. L’attuale sindaco di Frosinone nella tornata elettorale del 18 dicembre tenterà di salire sullo scranno più alto dell’amministrazione provinciale e di succedere così all’uscente Antonio Pompeo (Pd). Dopo tanti tentennamenti e attese arriva la conferma dallo stesso primo cittadino. Come da lui annunciato in una nota sarebbero tanti i sindaci ed amministratori del territorio a volerlo sulla ‘poltrona’ di Palazzo Jacobucci: “Dopo la sollecitazione di tanti sindaci ed amministratori, dell’intera provincia, accetto di concorrere alla Presidenza dell’Amministrazione provinciale di Frosinone – ha dichiarato il sindaco del Capoluogo, Riccardo Mastrangeli – Ho preso la decisione di proporre la mia candidatura anche perché, pur appartenendo alla sensibilità politica del centro destra, sono tanti gli amministratori di tutte le estrazioni politiche e civiche che vedono in me, quale sindaco del Capoluogo, una figura di garanzia, come già dimostrato nella Conferenza dei sindaci sulla Sanità, dove sono in gioco decisioni che riguardano l’intero contesto amministrativo provinciale. Naturalmente – conclude Mastrangeli -, nel caso in cui il centro destra dovesse trovare una sintesi su altre figure idonee a ricevere maggiore gradimento, unitamente a tutti coloro che stanno sollecitando il mio impegno diretto, sono ben lieto di un confronto per arrivare in tempi strettissimi anche ad altre sintesi, davanti alle quali, se serie ed effettive, si registrerebbe il mio consenso incondizionato”.

L’elezione del presidente della Provincia, lo ricordiamo, è in programma tra poco più di un mese (18 dicembre ndr.) e alle urne andranno soltanto gli amministratori comunali, sindaci e consiglieri.

Condividi l’articolo su: