informazione pubblicitaria

CONDIVIDI

Non solo Europee, sei Comuni pontini al voto tra meno di un mese. Opzione terzo mandato, una ‘manna’ per i sindaci uscenti

Marco Battistini
Maggio 14, 2024

Non solo europee, dunque, ma anche le amministrative. Ma in terra pontina quali sono i comuni chiamati alle urne? A giugno andranno al voto 6 comuni, rispettivamente: Maenza (il sindaco uscente è Claudio Sperduti), Monte San Biagio (il Primo cittadino è Federico Carnevale), Prossedi (Angelo Pincivero è il sindaco uscente), Rocca Massima (Mario Lucarelli è il Primo cittadino uscente), Sermoneta (Giuseppina Giovannoli è la sindaca uscente) e Spigno Saturnia (Salvatore Vento è il Primo cittadino uscente). 

LE CANDIDATURE

Sono 16 gli speranti sindaco nei 6 comuni al voto in questa tornata elettorale. A Maneza, centro con poco meno di 3mila abitanti e 2.949 elettori, sono due i candidati alla carica di primo cittadino, l’uscente Claudio Sperduti (con la lista Progetto per Maenza) e Loreto Polidoro (con la lista Agenda per Maenza). Sempre due anche i candidati in corsa a Monte San Biagio che con poco più di 6.100 abitanti conta 5.109 elettori: si contendono la fascia tricolore Federico Carnevale (con la lista Noi per Monte San Biagio) ed Ermanna Casale (con la lista Liberi e Uniti). Va al voto anche Prossedi che con quasi 1.200 abitanti vede chiamare alle urne i suoi 1.1155 elettori che per guidare il paese potranno scegliere tra ben tre candidati: l’uscente Angelo Pincivero (con la lista Insieme per Prossedi), Ornella Mastrantoni (con la lista Insieme per un futuro migliore) e Loriano Agnessi (con la lista Prossedi Bene Comune). Rocca Massima è il più piccolo dei comuni al voto con poco meno di mille abitanti e 899 elettori; sono due i candidati primo cittadino: l’uscente Mario Lucarelli (con la lista Cittadinanza condivisa) e Guido Angelo (con la lista Cittadini Liberi). E’ invece il centro più grande al voto quello di Sermoneta con oltre 10mila abitanti e 8.086 elettori; sono quattro gli aspiranti sindaco in corsa: l’uscente Giuseppina Giovannoli (con la lista Giovannoli Sindaco), Antonio Di Lenola (con la lista Sermoneta Cambia), Sonia Pecorilli (con la lista Partito comunista italiano) e Emanuele Agostini (con la lista Insieme per Sermoneta). L’ultimo comune al voto è quello di Spigno Saturnia che vede candidati l’uscente Salvatore Vento (con la lista Prima Spigno), Marco Vento (con la lista Spigno Futura) e William Di Cesare (Cambiamo Spigno). 

PICCOLI COMUNI

Tutti i comuni che andranno al voto hanno ben due particolarità: tutti i primi cittadini sono arrivati a scadenza naturale, mentre tutti i paesi chiamati alle urne sono al di sotto dei 15mila abitanti. Questo implica che tutti potranno usufruire della novità introdotta con il decreto del Governo sul terzo mandato consecutivo per i primi cittadini. Inoltre, in nessuno dei comuni al voto si andrà al ballottaggio.Infine, grazie alla possibilità del terzo mandato nei piccoli Comuni – introdotta da quest’anno – tutti i sindaci uscenti potranno essere rieletti. Il recente decreto legge, approvato dal Consiglio dei Ministri, che consente ai Sindaci dei Comuni con una popolazione compresa tra i 5mila ed i 15mila abitanti di ricandidarsi per il terzo mandato amministrativo  consecutivo, ha scatenato una vera rivoluzione al livello locale. Il provvedimento ha anche eliminato ogni limite per i Comuni con popolazione al di sotto dei 5mila abitanti e lasciato invariato il limite dei soli due mandati per i comuni più grandi, sopra i 15mila abitanti.
Sicuramente una rivoluzione negli equilibri: i comportamenti condotti da chi non si aspettava di trovare ancora il sindaco uscente, dopo due mandati consecutivi, di nuovo candidabile, ha messo a soqquadro la geografia politica di tante realtà dei nostri territori.

PIU’ LIBERTA’ NEI TERRITORI

Dicevamo che una delle novità più significative riguarda i comuni con meno di 5.000 abitanti, dove la candidatura del sindaco potrebbe teoricamente non avere limiti di mandato, aprendo la strada a una possibile carriera a vita per i primi cittadini di questi piccoli centri. Tuttavia, i sostenitori della normativa ribattono che se un sindaco è valido e apprezzato dalla comunità, la sua riconferma è una scelta positiva. La decisione di ampliare a tre mandati consecutivi la possibilità di ricandidatura dei sindaci delle città dai 5.000 ai 15.000 abitanti è stata accolta con sorpresa e ha portato a una riconsiderazione degli scenari politici in molti dei nostri comuni. Tanti cittadini e amministratori, che avevano già dato per scontato il termine dell’incarico di alcuni sindaci, si sono trovati ad affrontare una nuova prospettiva: la possibilità di continuare con l’attuale amministrazione o cercare nuove alternative. Questa decisione si basa sull’idea di offrire maggiore libertà ai territori e ai cittadini, consentendo loro di decidere autonomamente se confermare il sindaco nell’incarico.

Maggio 29, 2024

Il mistero del sito scelto come discarica provinciale. Dalla Regione con convinzione si sostiene che finalmente presto si saprà dove

Maggio 28, 2024

Fratelli d’Italia mette in campo l’artiglieria pesante in vista delle Europee. La squadra per la circoscrizione Centro ed il Lazio in particolare, appare in

Maggio 27, 2024

Nuove frizioni e attriti tra la Lega e Forza Italia. E’ il senatore Claudio Fazzone ad essere finito nel mirino

Maggio 24, 2024

Nessun rimpasto prima di settembre. Forza Italia spinge a tutti i livelli per un cambio della squadra di governo regionale,

Maggio 23, 2024

Per il porto di Gaeta una svolta è possibile. Nuove risorse che permetterebbero ulteriori investimenti sulla struttura potrebbero presto giungere

-->

ULTIMI ARTICOLI