informazione pubblicitaria

CONDIVIDI

Consumo di suolo: il Lazio ha ‘bruciato’ l’8,16% della sua superficie. L’allarme e l’appello di Fare Verde

Cesidio Vano
Novembre 16, 2023

Costruzioni, opere e infrastrutture: nel Lazio è stato consumato l’8,16% del suolo regionale pari a 140.430 ettari: Roma registra 124 ettari di suolo consumato, ma gli incrementi maggiori in regione ci sono stati a Viterbo con 40,49 ettari e Montalto di Castro con 23,14. Frosinone con 3.008 ettari. Il capoluogo ciociaro è anche tra quelli dove è maggiore la percentuale di consumo di suolo rispetto alla superficie complessiva, con il 29,7%.

A segnalare la situazione in merito alla crescente cementificazione della nostra regione è l’associazione ambientalista Fare Verde che cita il rapporto dell’Ispra (l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) sul consumo di suolo che ha evidenziato come in Italia si registri una crescita del 10% del consumo di territorio, con grandi differenze tra regione e regione. Spetta alla Lombardia il primato, con oltre 290 mila ettari di territorio coperto artificialmente.

“Il Bel Paese è sott’acqua ogni volta che piove. Gli eventi meteorologici sono sempre più estremi e più frequenti in un territorio sempre più fragile; fattori che concorrono a rendere lʼItalia sempre più esposta alle catastrofi naturali – scrivono da Fare Verde -. A fronte di ciò il ciclo dell’acqua si è modificato, alternando momenti di siccità ad altri in cui di acqua ne precipita troppa e tutta insieme in un clima che ha subito mutamenti notevoli e velocissimi nel tempo. Tutto questo ha un risultato: sono circa 8 milioni gli italiani esposti ad alto rischio di frane o/e alluvioni, mentre oltre il 93% dei Comuni è a rischio frane, alluvioni, erosione costiera. In una sorta di eventi catastrofici impossibili da contenere. Gli episodi catastrofici, da vera e propria emergenza climatica, in oltre un secolo furono un centinaio ma negli ultimi 45 anni sono diventati 118 e sono più di venti negli ultimi 10 anni. E’ chiaro che la concomitanza tra consumo di suolo e riscaldamento globale risulta più pericoloso nelle Regioni dove è più alta la cementificazione e quindi il consumo di suolo”.

Per questo gli attivisti verdi ritengono assurdo vedere che nel Lazio è stata consumata complessivamente l’8,16% della superficie regionale, pari a 140.430 ettari; che tra il 2021 e il 2022 c’è stato un ulteriore consumo di suolo di altri 485 ha; numeri che pongono la Regione Lazio tra le 7 che superano il dato medio nazionale di nuovo suolo consumato.

“Questi i Comuni del Lazio dove è stato consumato più suolo – aggiungono -: dopo Roma che registra 124 ha di suolo consumato, gli incrementi maggiori nel Lazio ci sono stati a Viterbo con 40,49 ha e Montalto di Castro con 23,14. l suolo “storico” complessivo consumato a Roma è pari a 30.394 ettari, ovviamente il maggiore d’Italia per la dimensione romana, e nel Lazio al secondo posto c’è Latina con 4.256 e al terzo Frosinone con 3.008. I 3 comuni del Lazio invece, dove è maggiore la percentuale di consumo di suolo rispetto alla superficie complessiva, e quindi dove c’è più asfalto e cemento e meno verde in assoluto, sono Ciampino con il 42,6%, Anzio con il 35,1% e Frosinone con il 29,7%”.

Fare Verde ritiene che sia il momento di “dire basta al consumo di suolo con un intervento legislativo a saldo zero” così come è diventato indispensabile “creare una task force della Regione Lazio per contrastare chi si ostina a costruire senza le necessarie autorizzazioni e per revocare ai Comuni inerti al contrasto del consumo di suolo ogni forma di controllo sull’edilizia privata e pubblica. Dire basta al consumo del suolo non è più un vezzo ambientalista ma una necessità per scongiurare ulteriori disastri che vengono classificati come naturali senza mai dire che dietro ogni cosa c’è la mano diretta o indiretta dell’uomo”.

Giugno 14, 2024

Stop del centrodestra in commissione Sanità allo Schema di deliberazione n. 51 del 30 maggio 2024, concernente la Definizione del

Giugno 13, 2024

In merito alle allarmistiche voci diffuse attraverso comunicati e articoli apparsi su testate on-line, stante le quali il reparto di

Giugno 12, 2024

Rimpasto di giunta alla Regione Lazio e verifica politico-programmatica al Comune di Frosinone. Sembra essere proprio questa la strategia di

Giugno 11, 2024

Alla conferenza stampa di Maurizio Stirpe nella club-house del golf di Fiuggi tutti si aspettavano un po’ di luce sull’operazione

Giugno 11, 2024

A conferma di come i flussi elettorali siano in rapida evoluzione da diversi anni a questa parte, le europee consegnano

ULTIMI ARTICOLI