L’evento

A Piglio un murale dedicato a Falcone e Borsellino. Felli: “Un segnale per i giovani sull’importanza di vivere nella legalità”

Sara Battisti: "Giornate come oggi sono propedeutiche alla cultura dei "no" coraggiosi a tutte le ingerenze mafiose"

A Piglio un murale dedicato ai due magistrati, uccisi dalla mafia, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Insieme al Procuratore della Repubblica, Antonio Guerriero e al Presidente della Provincia, Antonio Pompeo, il collettivo di Ammuriliberi ha presentato l’opera che ha l’obiettivo di sensibilizzare i più giovani su un tema sempre attuale.
I giovani ragazzi delle medie ed elementari dell’istituto di Piglio, hanno ricevuto dall’associazione Suditono, un attestato di coraggio, a firma, oltre che del Presidente dell’associazione, dell’on.le Sara Battisti e del Sindaco di Piglio Mario Felli , anche del nuovo DG ASL di Frosinone, Angelo Aliquò e dell’Assessore regionale Alessio D’Amato.

“È stata una grande festa della legalità e della lotta alle mafie – ha detto il presidente ICCP della Regione Lazio Sara Battisti -. E non solo per l’inaugurazione dell’opera, splendida, di Marcello Russo, e di tutto il collettivo di Ammuriliberi, ma perché, abbiamo seminato le idee di Falcone e Borsellino in un gruppo di studenti che le hanno raccolte con entusiasmo e, sono certa, le sapranno far germogliare forti e rigogliose grazie alla loro passione e al loro impegno. Giornate come oggi sono propedeutiche alla cultura dei “no” coraggiosi a tutte le ingerenze mafiose. Nel nome di Giovanni e Paolo.”
“Vogliamo dare un segnale ai giovani di quanto sia importante vivere nella legalità – ha sottolineato il sindaco Felli ricordando due figure simbolo della lotta alla mafia.  È importante che le nuove generazioni comprendano l’importanza del rispetto delle leggi e che i valori che ne derivano sono fondanti di ogni paese democratico. Solo così si può vivere serenamente”.

A seguire, le parole dell’assessore Lucia Palone: “Vorrei, innanzitutto,  ringraziare il consigliere regionale  Sara Battisti per aver sostenuto questo progetto, la Regione Lazio, gli artisti che hanno lavorato ininterrottamente, con tempi record alla realizzazione del murales e l’Osservatorio per la legalità. Grazie a questa sinergia la scuola di Piglio avrà “inciso” per sempre sulla facciata principale due dei più alti simboli di coraggio e lotta alla mafia. Abbiamo il dovere come amministratori, come docenti, come genitori di aprire la strada dei più piccoli ai valori della giustizia, dell’impegno civico e morale”.

“Questo murale deve ricordare a tutti che questa non è l’Italia  della mafia, ma l’italia di Falcone e di Borsellino”, ha dichiarato il presidente di AmmuriLiberi Marcello Russo, in occasione della manifestazione in onore del 30esimo anniversario della strage di via D’Amelio.
“Un’occasione per ricordare i trent’anni dalle terribili stragi del ’92 – ha dichiarato Francesco Torrice –  ma al tempo stesso, per ricordare tutti coloro che hanno dato la vita e hanno perso la vita per un recupero di identità. Credo che, simbolicamente, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino rappresentino il  recupero, dalla vergogna all’orgoglio, dell’ identità nazionale”.

Condividi l’articolo su: